Consiglio Nazionale di Roma: ANDI ha cambiato passo

Condividi:

Fatti concreti e di grande rilievo, frutto del lavoro instancabile di questi pochi mesi messo in opera nel solco del cambiamento. Sono quelli emersi durante l’ultimo Consiglio Nazionale di ANDI, a cui hanno partecipato 21 Dipartimenti regionali su 21 e 79 Delegazioni provinciali su 100, per una percentuale rappresentata dell’85%. «Una partecipazione importante – sottolinea il Dottor Marco Colombo, Presidente di ANDI Pavia e Responsabile Scientifico di ANDI Nazionale – che certifica l’innalzamento della soglia di attenzione da parte dei rappresentanti del territorio, dunque della base degli Associati, verso il nuovo Esecutivo».

Durante l’ultimo Consiglio Nazionale sono state presentate ai Presidenti regionali e provinciali ANDI le riforme ottenute dal nuovo Esecutivo Nazionale sia per la professione che per l’Associazione. Ecco le principali:

  • La riforma della pubblicità in sanità e della direzione sanitaria nelle strutture odontoiatriche (presente nella legge di bilancio);
  • Il protocollo d’intesa siglato fra Confprofessioni (l’ente datoriale confederale cui fa riferimento ANDI) con le organizzazioni sindacali FILCAMS CGIL, FILCAMS CISL e UILTUCS che inserisce nello studio odontoiatrico, oltre alla figura dell’ASO, il nuovo ruolo di “collaboratore di settore odontoiatrico che sotto la responsabilità e le direttive dell’Odontoiatra svolge funzioni di supporto alle attività tipiche e caratteristiche del medesimo”, attraverso il quale le parti intendono favorire l’occupazione negli studi odontoiatrici superando le criticità connesse al ruolo di ASO e che è già immediatamente applicabile;
  • Il rinnovo della convenzione per la polizza Rischio Civile Professionale (RCP) con CATTOLICA Assicurazioni, che con bassissimo costo aggiunge anche la copertura del rischio contrattuale e quella del rimborso dell’onorario professionale a quanto già esistente;
  • La convenzione sottoscritta con Banca Igea per il credito all’Odontoiatra socio ANDI, con prodotti di credito bancario che comprendono l’acquisto dell’immobile, fidi bancari, anticipo su fatture, finanziamento di percorsi di studio, il credito per l’associazionismo ed il subentro generazionale, per accedere ai quali sarà solo necessario recarsi presso la propria sezione ANDI di appartenenza e che introduce meccanismi di rating bancario innovativi e costantemente aggiornati con un tavolo paritetico fra ANDI e Banca Igea;
  • Maggiori risorse economiche per le sezioni ANDI che sosterranno la diffusione dei nuovi servizi ANDI nelle aree di riferimento;
  • L’avvio della nuova piattaforma informatica di ANDI in grado di sostenere ogni esigenza del singolo socio, della sezione, dei dipartimenti regionali, compresa la fatturazione elettronica, la formazione continua, l’anagrafica soci, sondaggi e statistiche, facili collegamenti in streaming e tanto altro;
  • La strategia di lavoro comune definita con le altre rappresentanze di categoria e la CAO con lo scopo di lavorare senza protagonismi per il bene dell’intero settore.

«Provvedimenti fondamentali per il sostegno e la semplificazione delle attività degli iscritti ANDI e delle realtà dell’Associazione – dice ancora il Dottor Marco Colombo, Presidente di ANDI Pavia e Responsabile Scientifico di ANDI Nazionale – e che saranno nel tempo ulteriormente arricchiti al momento del completamento dei tanti altri progetti che già sono stati messi in opera».

Particolare attenzione, come sempre, è stata rivolta anche nell’ultimo Consiglio Nazionale ai più giovani. Il Segretario Nazionale Sabrina Santaniello ha dedicato spazio alle iniziative di “ANDI con i Giovani”, sottolineando la crescita numerica delle sezioni provinciali e la rinnovata partecipazione di questi gruppi under 35 alla vita associativa. Altrettanto interesse per le “Politiche di Genere”, con le molte iniziative in essere e in divenire, sotto la regia attenta della Coordinatrice Nazionale e Vicepresidente di Fondazione ANDI, Gabriella Ciabattini Cioni e della stessa Santaniello.

Condividi:
Facebook
YouTube
Twitter
Scrivici